10 Domande ad un Cercatore di Militaria



La prima intervista che pubblichiamo oggi è stata fatta all’amico Piero G. che ringraziamo per aver contribuito a questa nostra iniziativa.

Partiamo ora con le domande: 10 Domande ad un Cercatore di Militaria.

1) Da quanto tempo pratichi il metal detecting?
Relativamente poco.  Ho svolto la gran parte delle mie ricerche seguendo le indicazioni dei recuperanti tradizionali sul come leggere il terreno. Il metal lo uso per avere delle idee in zone nuove e poco esplorate.

10-Domande-ad-un-Cercatore-di-Militaria-300x225Un bellissimo ritrovamento, clicca l’immagine per ingrandirla.

2) Quale modello di metal detector utilizzi?
Teknetics Gamma 6000.

3) Quale tipo di ricerca preferisci? In quali luoghi?
Reperti bellici 1 guerra mondiale, in zone montane.

4) Chi ama il nostro hobby prova un’emozione ad ogni ritrovamento. Tu cosa provi? Riusciresti a descriverlo?
Emozione allo stato puro, non ci sono molte parole. E’ come entrare in una priamide inviolata, anche quando si tratta di un oggetto piccolo.

5) Cosa hai provato quando hai trovato la tua prima monetina?
Non era una monetina, ma l’emozione è stata esaltante.



6) Il ritrovamento a cui sei più affezionato?
Tanti, tutti in grado di dare un’impronta umanissima. La catenina d’oro di un soldato austriaco, l’anello di un assaltatore austriaco, le medagliette della prima comunione di un fante italiano. E il contenuto ancora intatto di una postazione dove un nostro cecchino tenne fermo, da solo, un intero reparto ungherese prima di essere eliminato a cannonate.

7) Ognuno di noi ha il suo sogno: tu cosa speri di trovare?
Tante cose che mi restituiscano altrettante storie di vite e, purtroppo, morti di quasi un secolo fa.

8) In quali zone esci con il metal detector?
A seconda di dove vado. preferisco usarlo nelle zone sconosciute o quelle in cui i segnali del terreno sono incoraggianti, ma non certi.

9) Cosa ne pensi dei raduni? Ne hai mai fatto parte?
Sono indubbiamente utili per conoscersi e scambiare esperienze. al momento, non ne ho mi fatto parte.

10) Cosa consiglieresti a coloro che vogliono iniziare questo hobby?
Rispettare il territorio sopra ogni cosa. chi vuol cercare militaria, sappia che i rischi sono altissimi. Non pensate che lo studio, pur metodico, possa mettervi al sicuro da ogni pericolo. Tutto ciò che non si conosce, deve essere lasciato perdere e non sottovalutate nemmeno quello che conoscete.

Ho profonda ammirazione per Piero G. che dopo l’intervista, ha voluto concludere dicendo: “E’ davvero importante l’appello finale alla prudenza. I cercatori di materiale bellico che credono basti un metal per poterlo fare senza rischi, son troppi. Voglio togliermi un peso dallo stomaco, dicendo loro a cosa vanno incontro. Poi, ciascuno è padrone del proprio destino…”

Grazie Piero per averci dedicato questa bella intervista.