Come fare l’elettrolisi? L’elettrolisi è un metodo di pulizia degli oggetti molto efficace ma al tempo stesso molto ma molto invasivo. Un oggetto metallico può essere ripulito da terra e incrostazioni con questo sistema ma, prima di usarlo sarebbe opportuno utilizzarlo su oggetti privi di importanza perché un errato utilizzo dell’elettrolisi potrebbe rovinare per sempre l’oggetto ritrovato. Se ne è parlato anche sul vecchio forum di metal detecting del nostro sito e qui di sotto troverete le conversazioni “migliori” sull’argomento. Da questo nasce quindi il titolo dell’articolo, cioè: “Come fare l’elettrolisi?”.

 

Qualcuno in maniera semplificata può indicarmi l’occorrente per elettrolisi, devo pulire diversi oggetti, GRAZIE!!!!(senza spendere, magari con qualcosa che si trova facilmente).

 

Bacinella di plastica dura, un pezzo di ferro o inox possibilmente forma quadrata un trasformatore da 12 volt ci sono quelli regolabili costano 10 euro e 2 paia di pinzette morsetti piccoli procurati anche un po’ si soda caustica a scaglie, praticamente prendi il trasformatore taglia i fili positivo e negativo e mettici le pinzette o morsetti il negativo lo attacchi al pezzo di ferro inox che immergerai nella vaschetta con l’acqua e un po’ di soda ( farla sciogliere bene) e l’altro elemento lo attacchi al pezzo che devi pulire colleghi il trasformatore alla corrente e vedi se il pezzo fa le bolle se le fa il gioco e’ fatto.



Ciao. Puoi prendere un vecchio caricatore da 9 o 12 volt del cellulare o di un altro supporto e ci tagli lo spinotto. Poi dividi i due cavettini, li spelli e li leghi a due morsettini a coccodrillo che puoi trovare dove vedono materiale elettrico. Prendi un contenitore, gli metti acqua e bicarbonato a sufficienza x immergergli completamente l’oggetto da pulire e attacchi un morsetto all’oggetto e un altro morsetto a una piastrina di ferro, un pezzo qualsiasi. Entrambi immergili ma non si devono toccare. Poi attacchi il caricatore alla presa e sentirai friggere l acqua.

Alternativa: caricabatteria da auto, meglio se regolabile da 6V a 12V, poi invece del ferro ad un morsetto attacca un vecchio cucchiaio oppure una posata INOX, importante: il contenitore dove fai il tutto deve essere non conduttore (vetro, plastica, ceramica, etc.)

Ultima cosa: fallo in ambiente aerato molto perchè i vapori sprigionati sono tossici (e forse infiammabili)

Rimedio della nonna per la pulizia dell’argento ( solo argento non funziona con altri metalli) una bacinella in alluminio o in alternativa prendi la stagnola e ci foderi un contenitore, e ci metti dentro acqua e sale , finito!! A costo quasi 0.
PS: anche questo rilascia piccolissime quantità di vapori nocivi , da fare in casa ma in posto aerato.

 

Come si è potuto leggere quindi, non esiste un solo modo per fare l’elettrolisi ma ve ne possono essere diversi che potrebbero variare poi, non solo in base alle proprie preferenze di pulizia, ma anche in base al metallo dell’oggetto che si vuole ripulire. Inutile dire di prestare la massima attenzione perché con la corrente elettrica come tutti ben sappiamo non si deve scherzare, soprattutto se si è a contatto con l’acqua. Utilizzate solo questo metodo se siete maggiorenni o se siete in compagnia di un adulto. Per quanto riguarda gli eventuali vapori, questi potrebbero essere realmente tossici e quindi si consiglia, se possibile, di procedere con l’operazione in un luogo aperto o comunque che sia almeno ben areato.