Differenza tra Metal Detector e Pinpointer



Un articolo del genere per gli esperti del settore potrebbe sembrare alquanto strano, ed infatti questa piccola guida è stata pensata per chi ancora non ha un cercametalli e vuole acquistarne uno, per chi quindi non conosce bene la differenza tra metal detector e pinpointer.

Differenza-tra-Metal-Detector-e-Pinpointer

Il tutto nasce da un utente, del gruppo su Facebook chiamato Italia Metal Detector ITA (gestito da noi di italiametaldetector.it), che ha acquistato un Garrett Propointer AT convinto che fosse un piccolo metal detector da utilizzare in acqua, al mare, al pari di un modello subacqueo.

Facciamo quindi qualche piccola precisazione. Il Propointer AT della Garrett è un modello subacqueo che può essere utilizzato sino ad una profondità di 3 metri, ma non si tratta di un metal detector bensì di un pinpointer.

Se qualcuno vuole utilizzare questo strumento al posto di un metaldetector subacqueo può benissimo farlo ma i risultati saranno sicuramente insoddisfacenti, e di molto! Perché? Innanzitutto il Garrett Propointer AT non è un modello destinato all’acqua marina. Questo significa che potrà si essere utilizzato in acqua, sia dolce che salata, ma che in acqua di mare soffrirà gli effetti della salinità. Ciò comporterà quindi una “marea” di falsi segnali e di malfunzionamenti dell’apparecchio. Ma passiamo oltre, le piccole dimensioni del pinpointer non permetterebbero di certo di scandagliare per bene il fondo marino. Basti pensare ad esempio che anche chi ha un metal detector subacqueo con una piastra da 11” ha comunque sempre delle difficoltà a coprire ogni centimetro di fondale.



Insomma, per chi vuole utilizzare un pinpointer per le ricerche in acqua il mio giudizio è assolutamente negativo. Evitate di acquistare questo genere di prodotto se il vostro intento è quello di ricercare oggetti metallici in fondo al mare. Il Garrett Propointer AT resta un ottimo pinpointer, attualmente è di sicuro tra i migliori presenti sul mercato ma la sua funzione è completamente differente, così come quella di tutti gli altri prodotti di questa categoria.

Il pinpointer va quindi utilizzato su terreno, o anche in acqua in alcuni casi (possibilmente in acqua dolce), solo per individuare al meglio la posizione del target col fine di scavare delle buche più piccole e risparmiare quindi sia tempo che fatica.

Un consiglio per i principianti e per chi ancora conosce poco la materia: se vi occorre un metal detector subacqueo sappiate che per acquistare un buon prodotto si dovranno spendere almeno 500€, il prezzo logicamente potrà scendere se si andrà alla ricerca di un modello usato. Chi proprio non riesce a fare a meno di stare lontano dal mare e vuole a tutti i costi acquistare un modello subacqueo e non può permettersi di spendere 500€ può provare il famoso Vibra-Tector. Si tratta di un piccolo metal detector molto discreto e dalle piccole dimensioni che può essere acquistato anche con meno di 200€. Personalmente non ho mai avuto, almeno per il momento, l’occasione di provarlo ma tutti coloro che sino ad oggi lo hanno acquistato ne sono rimasti entusiasti. Le sue funzioni sono limitate ma d’altronde per chi vuole soltanto divertirsi potrebbe essere una valida alternativa ai modelli professionali che possono arrivare a costare anche oltre i 1.000€.

Concludo il discorso tornando un passo indietro, nel momento in cui parlavo della differenza tra metal detector e pinpointer. Ebbene, la notizia non sconvolgerà di certo chi ha già un cercametalli ma potrà di sicuro essere utile a chi ancora non ne possiede uno, diversi metal detector, la maggior parte a dire il vero, possiedono una funzione chiamata pinpointer. Questa funzione viene solitamente attivata e disattivata premendo e rilasciando un apposito pulsante o un’apposita levetta e ci permette di centrare ancora meglio la posizione dell’oggetto metallico individuato.