Dove Cercare col Metal Detector



Uno dei primi dubbi di chi ha appena comprato un cercametalli è: “dove cercare col metal detector?”. In questo articolo cercherò di darti alcuni consigli che reputo utili per chi ha da poco iniziato ad intraprendere questo bellissimo hobby.

Dove-Cercare-col-Metal-Detector

Iniziamo dai luoghi dove non puoi cercare col metal detector. Ho parlato decine e decine di volte di questi posti in questo sito ma mi pare sempre giusto ricordarlo, una, due, tre volte in più non faranno mai male.

Per la Legge Italiana non puoi usare il metal detector nelle zone archeologiche. Non ci sono leggi che invece dicono a quale distanza dalle aree archeologiche tu possa effettuare le ricerche quindi il mio pensiero è: il più lontano possibile. Se hai la coscienza pulita non avrai alcun problema ad usare il metal detector nelle zone consentite quindi prendi il tuo zaino, la tua bella pala ed il tuo cercametalli e corri altrove!

La Legge Italiana dice anche che le zone paesaggistiche non possono essere deturpate dalle nostre zappe, dalle nostre vanghe e dai nostri picconi. Qui infatti non c’è il divieto di usare il metal detector ma vi è il divieto di scavare nel terreno. Di conseguenza non potrai usare il cercametalli a meno che tu non lo voglia adoperare per acchiappare le mosche. Cosa si intende per zone paesaggistiche? Rientrano in questa categoria tutti i boschi, i parchi nazionali, i parchi regionali e qualsiasi altra area naturale protetta.

Sia le aree archeologiche che quelle con vincolo paesaggistico sono quindi per i metal detectoristi delle vere e proprie zone NO LIMIT. Se non conosci quali sono le aree vincolate della tua zona richiedi il piano territoriale al tuo Comune o alla tua Regione. Per alcune Province e per alcune Regioni trovi il PPT (per alcune regioni PTP) direttamente online anche se spesso le mappe online non sono aggiornatissime.



Perfetto, ora conosci quali zone devi assolutamente evitare. Passiamo alle zone dove cercare col metal detector è completamente legale: terreni e spiaggia.

Per quello che riguarda i terreni è sempre necessario avere il permesso del proprietario. Anche se il terreno non è recintato e sembra completamente abbandonato, entrare senza il permesso del proprietario equivale a violare la proprietà privata. Il mio consiglio è quindi quello di iniziare con le ricerche andando nei terreni di amici e parenti, sempre dopo aver chiesto il permesso. Se incontri un contadino cerca di fare amicizia e poi chiedigli se ti permette di effettuare le ricerche anche nel suo terreno, garantendogli di non rovinare il raccolto, di non zappare nei pressi delle radici degli alberi e di richiudere accuratamente ogni buca che farai. Alcuni contadini hanno davvero tanti terreni, fa amicizia con qualcuno di loro ed avrai terra da esaminare per tantissimo tempo!

Passiamo alle ricerche in spiaggia. Le spiagge sono tra i posti più praticati dai detectoristi amanti degli euro. E’ abbastanza semplice infatti, soprattutto appena terminata l’estate, trovare delle monetine nelle zone dove durante la bella stagione vi erano tanti bagnanti. La spiaggia è demaniale e quindi di tutti. Se vorrai effettuare qui le tue ricerche non dovrai richiedere il permesso a nessuno, o quasi. Questo quasi è importantissimo: se la spiaggia dove vuoi effettuare le ricerche è stata data in concessione ad uno stabilimento balneare dovrai chiedere il permesso ai gestori prima di poter effettuare le ricerche. Per quello che riguarda la battigia invece, le ricerche sono permesse anche se è presente uno stabilimento balneare. Sulla spiaggia, anche se non si devono chiedere permessi, è necessario utilizzare il buonsenso e l’educazione. Il mio consiglio è quello di non andare nei periodi estivi quando c’è la gente con gli ombrelloni a prendere il sole. Se proprio non puoi fare a meno di usare il metal detector in spiaggia aspetta le ore serali o quelle del primo mattino dove le spiagge sono deserte o quasi e potrai divertirti senza infastidire nessuno.