Metal Detector e Zone Archeologiche in Italia



Metal Detector e Zone Archeologiche in Italia, come comportarsi in merito? Quando si è in giro a spazzolare con il proprio metal detector nei campi, ma anche in mare ed in montagna, si deve prestare la massima attenzione a non incappare in una zona archeologica.

Chi viene scoperto con il cercametalli in una zona di interesse archeologico viene sanzionato e denunciato penalmente. A parte la multa, che è davvero salata, si avrà il sequestro del metal detector, una perquisizione personale ed il sequestro degli eventuali oggetti trovati in zona.

Metal-Detector-e-Zone-Archeologiche-in-Italia-300x225

La perquisizione, che può essere fatta esclusivamente dalle forze dell’ordine, potrà poi essere estesa anche al veicolo o all’abitazione del soggetto fermato. Per evitare i guai con la legge e per non farsi chiamare con l’orribile termine di “tombaroli” è necessario stare alla larga dalle zone protette e con vincoli archeologici.

Attualmente la legge vigente non dice a quale distanza minima da una zona archeologica è possibile utilizzare il MD. Nel dubbio quindi è consigliabile essere il più lontano possibile da tali zone.



Come si fa a capire se una zona è archeologica o meno? Alcune zone presentano dei cartelli, solitamente a sfondo marrone e sono posti sulle strade principali. Purtroppo sono pochissime le zone segnalate sui cartelli e quindi non è possibile fare affidamento esclusivamente su questi.

Per conoscere se un terreno è protetto o presente un vincolo archeologico è necessario controllare le mappe della più vicina Soprintendenza e quelle del Comune a cui il luogo in cui intendete spazzolare appartiene. Alcune regioni offrono la consultazione delle proprie mappe anche online. Purtroppo però non sono sempre aggiornatissime e quindi un posto scoperto recentemente potrebbe ancora non essere presente nella mappa online.

Ricordate che l’utilizzo del metal detector in Italia è del tutto legale. L’importante è che l’utilizzatore rispetti costantemente le leggi presenti e stia lontano dalle zone vincolate.

Tenete a mente anche che quando si entra in un terreno privato è sempre bene informare il suo proprietario, anche se la zona dovesse essere priva di recinzioni. Avere il permesso del proprietario del terreno, magari per iscritto, è la soluzione ideale prima di iniziare a spazzolare.