Ritrovamenti Metal Detector: cosa è possibile trovare quando si esce con il proprio cercametalli? Quali sono gli oggetti più comuni? Come ci si deve comportare se si trova un determinato tipo di oggetto?

Quali sono i ritrovamenti più comuni che è possibile fare con il metal detector?  Se dovessi dare a questa domanda una risposta generica, potrei dire qualsiasi metallo.

Ed in effetti è vero. In base al luogo in cui saranno effettuate le ricerche con il nostro cercametalli è possibile però, approssimativamente, capire cosa potremmo trovare.

Ritrovamenti-Metal-Detector-270x300

Ritrovamenti in spiaggia. La spiaggia è uno di quei posti che potremmo definire “ricaricabili”. Il motivo è semplice: essendo frequentata da tanta gente, soprattutto in estate, è facile che la gente perda qualcosa. Cosa possiamo trovare quindi in spiaggia con il metaldetector? In primis le monete. E’ facile che al mare la gente perda le monete, e grazie alla possibilità di discriminare alcuni metalli, si può scegliere se andare alla ricerca di tutti i tipi di moneta o solo di alcune. Ad esempio, discriminando il rame sarà possibile concentrare la ricerca evitando di trovare i centesimi più piccoli, come le monete da 1, 2 e 5 cent.

Ma chi va in spiaggia va principalmente con la speranza di ritrovare oggetti di valore, magari in oro. Attenzione però, qualora si dovesse trovare un oggetto in spiaggia, così come in qualsiasi altro luogo, lo scopritore dovrà effettuare una denuncia presso l’ufficio oggetti smarriti più vicino. L’oggetto ritrovato andrà quindi lasciato alle autorità che stileranno un verbale di presa in carico. Se nessuno denuncerà la scomparsa di tale oggetto, automaticamente colui che l’ha ritrovato ne diverrà legittimo proprietario.



Ritrovamenti in acqua. Il mare è ricco di storia. I ricercatori più avventurosi sono muniti di mute e bombole da sub e con appositi metal detector subacquei scendono in profondità alla ricerca di qualsiasi tipo di tesoro che il mare possa aver trattenuto con sè. Non sono rari i casi di scoperte di relitti affondati, contenenti ancora il carico o parte di esso. Anche in questo caso, una scoperta del genere è da denunciare immediatamente alle autorità competenti.

Ritrovamenti nei campi. Innanzitutto, prima di effettuare qualsiasi tipo di ricerca su un campo è necessario avere il benestare del proprietario. Il cercatore che intende utilizzare il metaldetector in un campo dovrà quindi ottenere prima il permesso del proprietario dell’immobile. Una volta ottenuto tale permesso, possibilmente scritto, sarà possibile iniziare le ricerche. I ritrovamenti? Qualsiasi cosa. Le nostre terre sono abitate da tantissimi anni e quindi è possibile trovare qualsiasi tipo di oggetto risalente a qualsiasi epoca.

In Italia esistono delle leggi che è obbligatorio seguire e sono fondamentali per tutti coloro che praticano il nostro hobby. Queste riguardano principalmente le aree di ricerca ed il tipo di ritrovamento che è possibile scovare.

  • Aree di ricerca. Prima di spazzolare in una zona, oltre ad avere il permesso del suo proprietario, è necessario informarsi, prima di iniziare le ricerche, se vi sono dei vincoli. Se l’area è protetta da vincolo archeologico, o da altri vincoli come quelli presenti nei parchi, è vietata nel modo più assoluto la ricerca con il MD.
  • Ritrovamento Archeologico. Nel caso in cui l’oggetto scoperto sia un bene archeologico o comunque un oggetto che abbia più di 50 anni ed abbia una certa importanza storica per il contesto in cui è stato ritrovato dovrà essere consegnato presso l’ufficio della Soprintendenza più vicino entro 24 ore.

Ultima postilla: prima di effettuare le ricerche informatevi sulle zone archeologiche e su quelle protette da vincoli di altro tipo della vostra zona. Anche la spiaggia potrebbe essere coperta da vincolo, perchè magari in quella zona sono stati fatti in passato dei ritrovamenti archeologici. Qualsiasi tipo di ricerca effettuerete ricordate sempre di rispettare la legge e di comportarvi in maniera etica.