Si Può Perdere un Carro Armato? Le Storie dei 5 Carri Ritrovati



Si Può Perdere un Carro Armato? Le Storie dei 5 Carri Ritrovati

1) SOVIET BUILT T34/76A

Un gigante da 27 Tonnellate è stato scoperto dopo 62 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. La storia di questo carro è alquanto bizzarra: E’ infatti un carro armato di fabbricazione Russa marchiato però con chiari simboli Tedeschi. Dunque si presume sia stato prima catturato e successivamente riutilizzato dai Tedeschi. Il ritrovamento è stato effettuato in un lago dell’ Estonia. Probabilmente sarà stato abbandonato e spinto nel lago durante la ritirata Tedesca.

SOVIET-BUILT-T34-76A-

2) SHERMAN M4

Il carro armato americano, giace immobile con i cingoli sommersi e con il cannone fuori dall’acqua a 200 metri dalle rive dell’isola di Saipan, nell’arcipelago delle Marianne. Teatro di una sanguinosa battaglia che ha visto contrapporsi l’esercito Giapponese a difesa dell’isola strategica contro gli invasori Americani, usciti infine vittoriosi.

SHERMAN-M4-1024x576

3) LIGHT TANK M5

Questo Carro armato leggero Americano è stato scoperto al di sotto del manto stradale in Francia, precisamente a Chartres a 90 km da Parigi. Era uno dei carri che partecipò al D-Day in Normandia e dunque, alla liberazione della Francia. Non fu distrutto dall’ esercito Tedesco come si può facilmente pensare, ma semplicemente si ruppe durante l’avanzata. Venne abbandonato dall’esercito Americano. Al termine della guerra è stato spinto in un fosso e sepolto dai cittadini francesi.



LIGHT-TANK-M5-

4) VALENTINE IX

Carro di fabbricazione Inglese. E’ uno dei 2000 carri consegnati ai Russi come aiuto militare Occidentale. Recuperato dalle sponde del fiume Warta nella Polonia Occidentale. Probabilmente il ghiaccio sul quale stava avanzando non ha retto al suo peso e dunque il carro è sprofondato, restando sepolto fino al 2012, anno in cui è stato tirato fuori.

VALENTINE-IX

5) KV-1

E’ il carro armato pesante dell’Armata Russa. Questo esemplare era uno dei mezzi a difesa della città di Leningrado (San Pietroburgo). Stava attraversando il fiume Neda, quando il ponte galleggiante fatto di barche, ha subito un pesante attacco tedesco, che ne ha provocato l’affondamento.

KV-1

Tutti i carri in questione sono stati restaurati o sono in fase di restauro. Non combatteranno mai più, ma la loro storia proseguirà, all’interno dei musei di tutto il mondo.

Salva





Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi