Storia della Svastica



Se pratichi l’hobby del metal detector da diverso tempo è probabile che tu abbia trovato qualcosa che sia attinente alla seconda guerra mondiale.

Quando si parla di questa guerra, chiamata con l’abbreviazione ww2, subito si arriva a pensare alla Germania e di conseguenza al simbolo del nazismo: la svastica.

sigilli-svastica-300x172

Nella foto due sigilli raffiguranti una svastica risalenti alla civiltà indo-iranica

Per curiosità ho fatto delle ricerche e scrivo questo articolo proprio per svelare quello che ho imparato. Parleremo quindi della storia della svastica. La svastica non fu inventata dai nazisti. Questo lo sapevo già, ma non conoscevo il significato che questo simbolo ha avuto nel corso della storia. La simbologia della croce uncinata (in sanscrito svastika) risale alla preistoria. Come simbolo del ciclo della vita e delle stagioni si trova su manufatti greci, della civiltà indo-iranica come pure di quella germanica.

Nell’antica Cina, invece, simboleggiava i punti cardinali. Nel buddismo, dal 700 a.C. circa, divenne un talismano, mentre nel giainismo, una religione indiana, i quattro bracci corrispondono al mondo dell’uomo, a quello degli dei, a quello animale e agli inferi.



Prima del nazismo, in Germania la adottarono i movimenti che si rifacevano all’ideologia nazionalista germanica. Hitler la riprese nel 1920 come effigie del partito nazionalsocialista e poi, con l’aggiunta dell’aquila imperiale, ne fece il simbolo del Terzo Reich.

Il simbolo della svastica quindi non è sempre stato paragonato al simbolo dell’orrore che abbiamo imparato a conoscere leggendo e studiando i libri di storia. In realtà questo emblema ha avuto diversi significati nel corso del tempo che son cambiati sia in base al periodo storico che al luogo geografico.

Quando scrivo qualcosa che è attinente alla prima o alla seconda guerra mondiale mi rivolgo a tutti, ma in particola modo a coloro che fanno ricerche mirate alla militaria. Proprio per questo ogni volta mi sento in dovere di ricordarvi che utilizzare il metal detector è un bellissimo hobby ma quando si va in certe zone dove si sono svolti i conflitti è possibile trovare degli ordigni bellici.

Come già spiegato dettagliatamente in un precedente articolo, nel caso in cui vi doveste imbattere in un ordigno evitate assolutamente di toccarlo, allontanatevi a distanza di sicurezza e allertate immediatamente le autorità competenti ovvero: Polizia di Stato, Carabinieri o Vigili del Fuoco. Sarà poi compito degli artificieri occuparsi dell’ordigno.