Avete mai sentito parlare del Tesoro di Oak Island? Ci troviamo, almeno con il pensiero, sull’isola di Oak (il cui nome originale è Oak Island) e siamo in Canada, precisamente nella regione chiamata Nuova Scozia.

L’isola non è poi tanto grande, parliamo di un’isola grande 57 ettari che si eleva a soli 11 metri sul livello del mare. L’isola di Oak è proprietà privata e per essere visitata necessita di un terreno.

Scavi del 1931 sull’isola di Oak

 

La Leggenda del Tesoro di Oak Island: il pozzo del Money Pit

L’isola diventò famosa quando fu trovata una fossa molto profonda. Si pensò subito che la fossa fosse in realtà un condotto che portava a delle caverne sotterranee nelle quali si troverebbe un importante tesoro.

Per alcuni il tesoro di Oak Island corrisponderebbe al famoso Tesoro dei Templari, per altri si tratterebbe di un’importante tomba, per altri ancora all’interno delle caverne sotterranee sarebbe presente uno scrigno in piombo al cui interno ci sarebbe la tanto ricercata Arca dell’Alleanza.

Cosa ha fatto credere che il fosso portasse ad un tesoro? Non si tratta di una semplice buca, ogni tre metri sembrerebbe essere presente un piano formato principalmente da pietre e tronchi.



Il primo scopritore del Money Pit, questo è il nome che è stato attribuito all’ipotetico tesoro presente sull’isola, fu Daniel McGinnis. Nel lontano 1795 Daniel passeggiava sull’isola e individuò una strana depressione nel terreno. Daniel si organizzo con due amici appassionati di leggende locali e di storie sui pirati ed iniziò gli scavi.

I tre uomini capirono subito che non si trattava di una normale depressione del terreno. In realtà la località nascondeva uno strano pozzo. Continuando a scavare scoprirono che ogni tre metri di profondità era presente una specie di piattaforma che era composta da tavole in legno di quercia, tronchi di alberi e pietre.

Gli scavi continuarono per tre livelli dopo i quali i tre amici dovettero arrendersi, l’impresa era ormai diventata troppo ardua per le loro possibilità.

Da quel giorno nacque la leggenda del Tesoro di Oak Island ed il pozzo prese il nome di Money Pit.

Alcuni anni dopo, la Onslow Company, un’azienda privata, dando ascolto alle varie dicerie e leggende locali decise di investire negli scavi. Nel 1802 si scavò quindi nuovamente. Risultato? Alcuni strati di argilla e di carbone e poi fibre di cocco. Le fibre di cocco diedero un grande stupore perchè la palma da cocco non è un albero che cresce in Canada.

Gli scavi proseguirono ed arrivarono sino a 30 metri di profondità. Gli uomini si ritrovarono dinanzi ad una strana lastra di pietra con delle strane incisioni impresse su di essa. Il suolo sembrava avere una resistenza differente, gli uomini presenti credevano di aver trovato finalmente lo scrigno del tesoro o probabilmente un’altra lastra.

Ma era quasi notte e si preferì riprendere con i lavori di scavo al mattino seguente. Purtroppo per loro però, le acque dell’Oceano Atlantico durante la notte avevano allagato il pozzo.

Tutti i tentativi di rimozione dell’acqua presente nel pozzo furono praticamente vani, il livello dell’acqua non calava.

Alcune leggende locali parlano della presenza di un condotto di tubi che partendo dalla baia di Smith arrivano sino all’Isola di Oak finendo proprio nel Money Pit. Quando la marea sale l’acqua risale per tutto il pozzo.

Da quel giorno a seguire furono tantissimi i tentativi utilizzati dagli uomini per svuotare il pozzo, nessuno ci è mai riuscito. L’ultimo tentativo sembrerebbe essere stato effettuato nel 1966, si trattò di un’ulteriore successo mancato.

History Channel ha dedicato al Tesoro di Oak Island un intero episodio intitolandolo Oak Island e il tesoro maledetto.

 

Verità o Leggenda?

La leggenda narra della presenza di un tesoro, qualcuno parla di tesoro maledetto, ma cosa dicono gli scienziati?

Secondo gli studiosi del posto il Money Pit non sarebbe altro che un pozzo di origine naturale che prende appunto l’acqua dall’Oceano Atlantico. Nella zona ci sono altri pozzi di questo genere e quindi non ci sarebbe nessun tipo di novità.

Molto probabilmente, anche la storia di Daniel McGinnins è solo una piccola leggenda e non ci sarebbe nulla di reale.