Trovare e Centrare un Target con il Metal Detector



Quando si usa il metal detector per la ricerca è indispensabile seguire dei piccoli accorgimenti per sfruttare al massimo le sue potenzialità. Vediamo insieme quindi come Trovare e Centrare un Target con il Metal Detector.

Abbiamo già visto in un precedente articolo come l’uso della discriminazione può influenzare durante la “spazzolata”. In sintesi, se si è in presenza di un terreno ricco di rifiuti metallici che si vorrebbero evitare, è possibile utilizzare la discriminazione per non trovarli. Nello stesso tempo però si rischia di perdere alcuni buoni target. L’uso della discriminazione nella ricerca diventa quindi un’arma a doppio taglio e solo con l’esperienza si riuscirà a capire come utilizzarla al meglio.

Trovare-e-Centrare-un-Target-con-il-Metal-Detector-300x300

Passiamo alla ricerca. Come dovrebbe avvenire? Il metodo migliore per ritrovare un target è quello di avvicinare la piastra del cercametalli quanto più possibile al terreno. La piastra dovrà quindi essere parallela al suolo. Ricordate che ogni centimetro di spazio tralasciato tra la piastra del metal detector ed il terreno è un centimetro che si va a perdere in profondità.



Il movimento da compiere deve assomigliare a quello di una spazzola che pulisce il tergicristallo. Il braccio che mantiene il cercametalli dovrà ondeggiare da un lato all’altro e i passi dovranno essere piccoli, in modo tale da cercare di sondare ogni parte del terreno. Se il metal detector emette un segnale, effettuate in quel punto una seconda passata. Se il segnale non si ripete, evitate di scavare.

Passiamo alla centratura del target. Quando il MD emette un segnale, che si ripete anche con la seconda passata, significa che sotto c’è qualcosa. La seconda operazione da compiere sarà quella di centrare il ritrovamento, identificare la zona con precisione vi permetterà di fare buche più piccole. Questo significa risparmio di tempo e di fatica.

Una piccola curiosità: è più semplice centrare un oggetto in profondità piuttosto di uno superficiale. Questo è dovuto dal fatto che l’oggetto situato più in profondità emette un segnale più debole. Tale segnale è raggiungibile quasi solo dalla parte centrale della piastra del metal detector mentre l’oggetto presente in superficie viene rilevato da tutta la piastra.

Una volta capito il funzionamento della piastra ne viene fuori un piccolo trucchetto: sollevando la piastra del metal detector dal suolo si allontanerà la stessa dal target. Il segnale diventerà quindi più debole e risulterà soltanto dalla parte centrale della piastra. Con questo piccolo trucchetto riusciremo a centrare l’obiettivo.

Un altro trucchetto è quello di utilizzare la parte laterale della piastra. Il piatto funziona anche lateralmente ma ha una sensibilità molto più leggera. Posando il lato della piastra per terra sarà possibile centrare il target con facilità se questo si trova ad una bassa profondità.